Cina e Covid-19: le tante ombre di Pechino

Cina e Covid-19: le tante ombre di Pechino

A poco più di un anno dall’annuncio del primo lockdown per fronteggiare la pandemia da Covid-19, sono in tanti, nel corso dei mesi, ad aver elogiato il modello cinese sul modo in cui ha affrontato l’emergenza. Ma abbiamo davvero qualcosa da invidiare a Pechino?

Tra poche settimane, il 9 marzo, sarà ormai passato un anno da quando le nostre vite sono cambiate senza neanche che ce ne rendessimo troppo conto. La pandemia ci ha costretto a modificare stile di vita, priorità e modo di lavorare. Un cambiamento così drastico che ha tranciato una linea che dividerà un’era: quella del pre-covid e quella del post-covid. Avvenimenti del genere segnano un’intera generazione: la Gen X ricorda il mondo pre e post 11 settembre, i boomer ricordano bene il mondo pre e post caduta del muro di Berlino, ora tocca ai Millenial e alla Gen Z fare i conti con uno spartiacque che modificherà i loro destini ed il futuro dell’umanità così come la conoscevamo.

Probabilmente non sapremo mai cos’è successo realmente a Wuhan, quando, dove e come il virus ha iniziato a renderci vulnerabili, privandoci di una sensazione che davamo per scontata: la libertà. Le problematiche che abbiamo affrontato sono state tante e la gestione della pandemia, non sempre efficiente, ha fatto scatenare in buona parte dell’opinione pubblica, sentimenti di rabbia e che richiamavano al rigore, anche utilizzando metodi poco ortodossi. Alcuni media, oltre a diversi commentatori seriali dei social, già a fine 2020 si prodigavano ad elargire complimenti di ogni tipo alla Cina ed al suo metodo per combattere il virus.

“Guardate il modello cinese, funziona. Quello sì che è un paese serio” era grossomodo il leitmotiv dei vari analisti o sedicenti tali. In pochissimo tempo abbiamo dimenticato le censure, la dittatura ed il grigiore del regime di Pechino, abbiamo deciso che quello doveva essere il nostro modello, dimenticando anche che la Cina, avendo già affrontato un’epidemia simile, aveva già pronti sistemi centralizzati per affrontare l’emergenza. Paradossale.

Un giorno, spero a breve, sarà chiara a tutti una cosa: se c’è una lezione che abbiamo recepito dall’emergenza Covid-19 è una: non bisogna seguire la Cina. Se si dovesse trovare un responsabile del propagarsi della crisi pandemica, trovare un nome sarebbe facile: Xi Jinping. È ormai dimostrato che il regime cinese, così come per l’epidemia di SARS, ha comunicato troppo tardi al mondo cosa stava realmente accadendo. Ricordiamo tutti la storia di Li Wenliang, l’oculista che per primo, nel dicembre 2019, cercò di mettere in guardia le autorità locali, rimanendo in un primo momento inascoltato per poi essere arrestato e rimanere vittima dello stesso virus poco tempo dopo.

La Cina ha avvertito il mondo solo il 12 gennaio, ma più per un errore: fu uno scienziato di Shanghai, Zhang Yongzhen, a pubblicare il genoma del virus sul sito virological.org. In seguito a tale gesto, lo scienziato fu punito con la chiusura del proprio laboratorio di ricerca per aver “interferito” con i tempi della politica del presidente cinese, da subito restia a creare allarme intorno al nuovo Coronavirus.

Il 20 gennaio le autorità cinesi avvertirono la comunità internazionale del pericolo della trasmissibilità del virus da uomo a uomo e solo il 30 gennaio l’OMS dichiarò quella del Covid-19 era (come purtroppo è tutt’oggi) un’emergenza globale. Mesi persi in cui la democratura cinese ha lasciato, deliberatamente, circolare il virus per il mondo.

Ricerche degli scienziati della statale di Milano che il Covid-19 fosse presente in Italia già ad ottobre, mentre uno studio dell’Istituto tumori di Milano ha dimostrato di aver trovato anticorpi del nuovo virus in pazienti già a settembre. Tra gli effetti devastanti che la pandemia ha provocato, la crisi economica è sicuramente quella che più notiamo e le cui conseguenze si faranno sentire come, se non peggio, quelle della crisi del 2008.

C’è però un dato interessante: l’effetto Covid-19 ha favorito  proprio la Cina, che dal 2028 supererà anche gli Stati Uniti come potenza globale. Il report del Centre for Economics and Business Research (Cebr) mostra come, durante la pandemia, il Pil cinese sia aumentato del 2% mentre quello statunitense sia calato del 5%. Pechino, dunque, con 5 anni di anticipo rispetto le previsioni, diventerà la prima potenza economica globale.

La mancata trasparenza di Pechino, però, contribuisce ad alimentare le teorie del complotto, dopotutto non si può biasimare chi guarda con diffidenza una nazione il cui leader è lui stesso un enigma. Come hanno affermato lo scrittore Yan Lianke e lo storico Jeffrey Wasserstrom in un articolo apparso su The Atlantic lo scorso 30 gennaio, non esistono biografie del leader cinese affidabili e documentate in inglese, mentre quelle in cinese tendono all’agiografia. Di conseguenza, chi ha a che fare con la Cina – praticamente tutti, data la globalizzazione – non conosce esattamente, ancora adesso, chi ha di fronte. In aggiunta, è difficile trovare qualcuno che abbia realmente familiarità con lui o che sia disponibile a parlarne, poiché la censura è un mostro troppo pericoloso da affrontare per molti giornalisti cinesi. 

Lo sa bene Cui Yongyuan, uno tra i blogger più famosi dell’intera Repubblica popolare, che ha visto sparire i propri post da ogni social controllato da Pechino per “frode e diffusione di notizie false”. Un’ulteriore prova che la Cyberspace Administration of China, un’agenzia creata nel 2014 proprio dallo stesso presidente cinese e con l’obiettivo di centralizzare tutte le attività di censura e propaganda online, lavora costantemente per portare a termine il Golden Shield Project, comunemente chiamato Great Firewall, quasi a sbeffeggiare, in maniera ironicamente drammatica, i media occidentali.

L’inchiesta del New York Times del dicembre 2020, portata avanti in collaborazione con ProPublica e grazie al lavoro di alcuni hacker, ha dimostrato come la Cina abbia costantemente censurato qualsiasi notizia legata al Covid, comprese quelle che ritraevano problematiche interne nella gestione della pandemia.

Xi Jinping è noto per censurare i social media occidentali, non ultimo Clubhouse, una piattaforma in cui si può dar luogo a dibattiti e che stava spopolando in Cina. Cosa che non ha fatto piacere al regime, che ha provveduto subito ad evitare qualsiasi possibilità di far emergere voci fuori dal coro.

Dunque, quando pensiamo alla Cina come modello da seguire (tralasciando anche le opposte visioni sul tema dei diritti civili), pensiamo a tutto quello la Cina è. Siamo disposti a privarci delle libertà personali per sconfiggere la pandemia? Siamo disposti a vivere in un sistema che non tollera voci di dissenso? Siamo disposti a vivere sotto un regime che reprime con la violenza qualsiasi manifestazione pacifica? Io credo di no.

Per questo motivo quando giudichiamo e ci arrabbiamo sulla gestione della pandemia da parte della politica italiana facciamo bene a sottolineare gli errori ed a far notare come qualche provvedimento sia sbagliato, che quella cosa andrebbe fatta meglio e quell’altra invece andava fatta prima. Ricordiamoci, però, che se possiamo farlo è perché viviamo in Europa e che se chiediamo il modello cinese dobbiamo prenderci entrambi i lati della medaglia, quello “positivo” e quello profondamente negativo. 

Siamo disposti?

 

Di Claudio Petrozzelli.

 

Fonti e ulteriori approfondimenti:

  • https://cebr.com/reports/sky-news-covid-response-to-help-china-become-worlds-biggest-economy-five-years-early/ 
  • https://www.theatlantic.com/international/archive/2021/01/xi-jinping-china-biography/617852/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.